Archivio degli autori Silvia La Rosa

AvatarDiSilvia La Rosa

Cosetta Zanotti: la pittrice di storie 

L’incontro con Cosetta Zanotti, autrice bresciana di libri per bambini, mi ha trascinato in un viaggio fantastico, indietro nel tempo, col sorriso sulle labbra, senza veli, senza congetture, ma armata solo di carta e penna per imprimere quanto più potessi di un modo magico e affascinate che, almeno per un po’, tutti abbiamo la fortuna di sperimentare.

Le racconto di come mi sia avvicinata alle sue storie grazie all’entusiasmo di un bambino speciale, Simone, il nipote di casa, nonché lettore appassionato. E proprio la sua passione per le storie di Cosetta, grazie anche agli incontri con le scuole che l’autrice promuove, mi aveva molto incuriosita: ed eccoci così una di fronte all’altra, sebbene con parecchi chilometri di distanza, a darci del tu come se ci conoscessimo da tanto e parlare di scrittura. 

Cosetta Zanotti è la testimonianza di come i sogni dei bambini, con gli strumenti giusti, non sono poi così irraggiungibili. Cosetta ad esempio, da piccola sognava di diventare “una pittrice che racconta le storie”, un mestiere che in effetti oggi svolge con passione, creando per i bambini quelle storie che tanto sognava di poter “dipingere” per gli altri. 

Da piccola abitava in periferia, lontana dalle biblioteche, eppure si trasformava ogni volta che si ritrovava con un libro tra le mani, un po’ come fosse una bacchetta magica. 

Mi racconta di come sia stata fortunata ad avere avuto accanto delle persone importanti, in grado di comprendere la sua passione, la sua naturale inclinazione verso la scrittura, e a darle fiducia, a cominciare da uno dei suoi maestri a scuola, durante una fase cruciale di formazione, quella dell’infanzia. In effetti, secondo Cosetta ogni bambino può creare storie se accompagnato con gli strumenti giusti, proprio come lei stessa aveva iniziato a sperimentare a scuola. E poi, tra le figure fondamentali nel suo percorso di scrittrice un posto speciale è occupato da suo padre: anche lui aveva compreso la predisposizione di sua figlia verso la scrittura prima ancora che Cosetta riuscisse a esprimerla chiaramente. Così, suo padre decide di regalarle un cavalletto e tutto l’occorrente per dipingere e un gigantesco vocabolario che potesse contenere tutte le parole necessarie per Cosetta per poter creare storie e realizzare il suo sogno di bambina.

Mi racconta che essere scrittori significa essere differenti da qualsiasi altra persona, significa avere una particolare capacità di guardare alle cose, una particolare sensibilità nell’osservare e creare connessioni. Ma significa anche avere delle precise responsabilità, come quella di utilizzare le parole in maniera costruttiva, perché le parole sono potenti, possono creare o smontare, soprattutto quando ci si rivolge proprio ai bambini. Ed è proprio verso i bambini che Cosetta avverte come una missione ed una speranza, quella di scatenare una rivoluzione positiva per la prossima generazione. E poi c’è un’altra parola chiave, tanto amata da Cosetta: la gentilezza. La gentilezza, mi spiega, è una forma di eleganza e coraggio ed è proprio su questa che bisognerebbe costruire il mondo. 

Nonostante vi siano grandi responsabilità nello svolgere questo mestiere, si ha qualcosa indietro di davvero inestimabile. Scrivere storie per bambini e avere la possibilità di vivere il contatto con questi giovanissimi lettori offre dei grandi insegnamenti. Significa avere la possibilità di calarsi ancora nei loro panni, di vivere il mondo con i suoi moti imprevedibili attraverso i loro occhi e la loro splendida innocenza. 

In qualche modo dimentichiamo quanto sia splendido affrontare la quotidianità con un briciolo di candore, ci rivestiamo di strati e strati di protezione per non sentirci vulnerabili, per non essere toccati, dalle cose, dalle persone, da noi stessi. I bambini hanno innato quel coraggio che li spinge naturalmente verso il mondo. E così, Cosetta, proprio grazie ai suoi piccoli grandi lettori, percepisce questo sguardo verso le cose nella sua semplice bellezza, con fiducia, traducendo tutto questo in storie. E per un po’ siamo tutti parte di questo magico splendore.

 

AvatarDiSilvia La Rosa

L’incredibile avventura di Andreas e dei suoi cani: dalla Danimarca all’Italia correndo

Incontrare Andreas Riis in una tranquillo café di Copenaghen e riuscire a trattenerlo su una sedia per qualche ora sembra già un’impresa, conoscendo ciò di cui è capace.

Andreas già dalle prime battute sembra uno di quei personaggi che raramente si ha la possibilità di incontrare: un personaggio che in genere si trova in libri o film d’avventura, sempre nel ruolo di protagonista.

Cresciuto in Italia da genitori danesi, vive per un po’ a Biella, città dove il padre si era trasferito negli anni 70 e dove lavorava come dirigente di una società tessile. Sin da piccolo, Andreas sviluppa un carattere indipendente e curioso, tanto da iniziare delle prime esperienze formative in Danimarca sin da giovanissimo. Ed è proprio durante i suoi viaggi che Andreas riesce a compiere imprese uniche.

Nonostante il suo background da stimato chef, Andreas decide di fare il possibile, e talvolta anche ciò che a prima vista sembrerebbe impossibile, per onorare la sua più grande passione: viaggiare. Cosi, in un momento determinante della sua vita, si rende conto di quanto sia fondamentale eliminare il superfluo per l’essenziale. Decide cosi che non è più il momento di dimostrare agli altri, ma di provare solo a se stesso chi è e cosa è in grado di superare. Si rende conto che ritagliarsi il giusto spazio dal proprio lavoro sia l’unico modo per permettersi grandi margini di tempo e per viaggiare cosi come vuole. Sottolinea come al giorno d’oggi il tempo sia qualcosa vissuto come costrizione, mentre avere la libertà di dedicarsi del tempo sia un lusso, ed è per questo che prova a vivere al massimo il tempo libero, quello più importante, che davvero merita di essere onorato e vissuto a pieno. Niente orologi, niente limitazioni.

E così, senza troppi programmi e senza pensarci troppo, il 30 gennaio decide che è tempo di iniziare una nuova avventura: correre dalla Danimarca sino in Italia, più precisamente da Roskilde a Biella, in compagnia dei suoi due meravigliosi Alaskan malamute, Apu e Ganga.

Andreas racconta di come sia legatissimo ai suoi cani e di come anche la più bella delle avventure non sarebbe stata completa senza la presenza di Apu e Ganga, e ammette che siano stati proprio loro ad ispirarlo in molte delle sue avventure, che in effetti porta sempre al seguito, alla ricerca della libertà.

E allora senza troppi giri di parole decide di chiedere l’aiuto dei social, pubblicando un appello su Facebook dove esordisce cosi: “Ciao a tutti, sto per fare una nuova follia: ho deciso di correre dalla Danimarca fino in Italia per una distanza totale di circa 1450 km, in 30 giorni, insieme ai miei cani“. Il suo appello non passa inosservato, sortendo gli effetti sperati: inizia a ricevere un grandissimo aiuto da parte di gente che, appassionata dalla vicenda, decide di seguirlo a distanza e contribuire concretamente, chi inviando dei soldi, chi offrendo ospitalità e cibo. Andreas sottolinea più volte come senza ognuna di queste persone non ce l’avrebbe fatta, non avrebbe potuto intraprendere questa splendida avventura e portarla a termine.

Un’avventura che costituisce solo una delle tante sfide incredibili vissute da Andreas, sempre pronto con un nuovo con sogno nel cassetto da realizzare. Andreas racconta anche del lato più personale di questi viaggi solitari, di quanto non manchino le difficoltà e i rischi e di quanto si possa imparare di se stessi mettendosi alla prova, spingendo oltre i propri limiti, perché “più è difficile e più si impara” dice sorridendo, perché davvero tutto è possibile, e detto da lui è difficile non crederci. E poi felice ammette: “Ero esattamente dove dovevo essere”. Ed allora, che sia la sfida e il traguardo per ognuno di noi, trovare quel posticino nel mondo dove sentire in cuor proprio di essere esattamente dove si voleva essere.

 

 

AvatarDiSilvia La Rosa

“Grande, grande, grande”

Mina Anna Maria Mazzini, da tutti amata semplicemente come Mina, è davvero un patrimonio inestimabile della musica italiana. Definita come “la più grande cantante bianca del mondo” da Louis Armstrong, con Mina nessuna descrizione rende la grandezza di questa artista.

 Proprio in merito alla sua voce straordinaria e inconfondibile ha ricevuto probabilmente il complimento più bello da Sara Vaughan, la massima esponente dello stile jazz denominato bebop, la quale disse di Mina:”Se non avessi la mia voce, vorrei avere quella di una giovane ragazza italiana di nome Mina” e, non a caso, Mina questa bellissima dedica l’ha inserita proprio come apertura della sua biografia per il sito internet.

Il contributo che Mina ha donato alla musica italiana è immenso quanto la sua vastissima discografia.Tutto comincia nel 1958, sul palco di un celebre locale, la Bussola di Marina di Pietrasanta, in Versilia, dove Mina si esibisce insieme ad un gruppo che stava riscuotendo successo in quegli anni, gli Happy Boys, ma ben presto viene notata da un discografico, David Matalon, che le propone di incidere dei brani in italiano e inglese. Da quel palco la carriera di Mina prosegue, inarrestabile, come cantante, presentatrice di programmi di successo, attrice e discografica.

 Mina sembra avere il potere di tramutare in oro tutto ciò che si trovi a toccare, cosi come testimoniano i successi collezionati durante tutta la sua carriera. In sessantuno anni di gloriosa attività Mina ha interpretato circa 1500 canzoni e venduto oltre 150 milioni di dischi, conquistando i primi posti delle classifiche italiane. E questi numeri sono ancora più significativi se si considera che il 23 agosto 1978 Mina, proprio in quello stesso palco che aveva segnato il suo esordio, si esibirà per l’ultima volta davanti al pubblico, ancora inconsapevole della scelta di Mina di allontanarsi per sempre dalle scene, per ritirarsi a vita privata. Una scelta dalla quale la cantante non torna più indietro, e che lascia il pubblico italiano sgomento.

 Eppure Mina riesce a realizzare qualcosa di ancora piùstraordinario. Seppur ritiratasi dalle scene, Mina non smette mai di cantare, regalando canzoni al pubblico che, da parte sua, continua ad amarla come se non fosse mai andata via. Da quel lontano 1978 la tigre di Cremona, cosi soprannominata, ha continuato a ruggire forte.Mina e il mito, un’artista che nonostante la sua “assenza” in un’epoca di onnipresenza mediatica e tecnologica, ha saputo essere più presente di chiunque altro, sempre ironica, moderna, unica.

Lei continua a cantare, pure in inglese, in spagnolo, in tedesco, e persino in giapponese, senza spostarsi dalla sua casa di Lugano la sua musica, la sua voce, arriva dritta alle stelle, ed è difficile non provare quel “brivido felino” che lei stessa intonava in una celebre canzone.

Eppure al di là dei trionfi e dei numeri vistosi c’è molto, molto di più.

C’é un personaggio amatissimo che, con una personalità magnetica, ha sempre onorato la propria libertà di scelta, anche quando questa non coincideva esattamente con le aspettative di un’Italia non ancora emancipata. E cosi le tanto discusse minigonne o gli abiti vertiginosi abbinati ad un trucco stravagante fatto di eyeliner e ciglia finte, perché Mina si divertiva a giocare e provocare, incarnando perfettamente quel ruolo di avanguardista. Nonostante lei stessa si definisse «una lungagnona col vestito da cocktail sottratto di nascosto alla madre» il suo carisma incantava tutti, tanto da farne una vera icona. D’altra parte, Mina rappresenta la prima artista italiana a sentire forte la necessità di una propria etichetta discografica, per non piegarsi a logiche di mercato ed avere massima libertà musicale: é cosi che nel 1967 nasce la PDU per iniziativa di Mina stessa e del padre, Giacomo Mazzini.

E poi c’é la Mina dei tempi moderni, che continua a incantare ed emozionare, ma anche a divertirsi con la musica, come quando si presenta nella sua versione di ologramma alieno per il 68esimo Festival di Sanremo nel 2018, per una collaborazione con una celebre compagnia telefonica, oppure quando presta la sua voce al celebre pezzo electo-swing All night long del dj austriaco Parov Stelar, con i passi del ballerino Sven Otten (noto anche con il nome di JSM, acronimo di JustSomeMotion).

Da ricordare anche “l’evento” del 2001, quando Mina apre le porte del proprio studio di registrazione regalando un live streaming ai propri fan, e sono da ricordare anche quei suoi brillanti contributi in veste di editorialista per delle note testate italiane e, più recentemente, il tributo con cui Chanel e Karl Lagerfeld hanno voluto omaggiare la divina Mina.

Un personaggio poliedrico, coraggioso, e pronto a nuove sfide, come l’incontro con il rap ad esempio, come testimonia il duetto con il rapper Mondo Marcio in Angeli e Demoni, dando prova di grande curiosità e attenzione verso il nuovo.

L’abbiamo amata ad ogni nota e battito di ciglia, perché Mina è semplicemente unica, semplicemente “grande, grande, grande”.

AvatarDiSilvia La Rosa

La Sicilia dei Presepi

 

Il periodo di Natale resta una delle feste più magiche e suggestive dell’anno. Che lo si voglia ammettere o meno, tutti ne veniamo catturati, a cominciare dai preparativi, e sembra di tornare bambini, per un po’.

Ed ecco che in un paese come la Sicilia, già ricco di tradizioni, anche solo la fase dei preparativi può diventare una festa. Tutto inizia con l’arrivo dell’8 dicembre, la festa cattolica dell’Immacolata Concezione, che segna anche il giorno in cui le case iniziano a scintillare di addobbi e decorazioni natalizie. Con il passare del tempo si sono abbracciate tradizioni che arrivano dall’estero, come nel caso dell’amatissimo albero di Natale che sembra aver fatto la sua prima apparizione in Estonia, nella città di Tallinn, nel lontano 1441, quando fu addobbato presso Raekoja Plats, la piazza del Municipio, mentre uomini e donne vi ballavano attorno alla ricerca dell’anima gemella.

Eppure, nonostante il mondo cambi in fretta, certe tradizioni restano ancora ben salde, diventando talvolta persino l’elemento caratteristico, la peculiarità di un territorio: è questo ciò che avviene ancora oggi con il presepe.

Il presepe, chiamato anche presepio, è la celebrazione della natività per eccellenza, ha origini antichissime, risale infatti al Medioevo, e continua a resistere all’avvento di nuove consuetudini, riuscendo anzi ad andare di pari passo con esse, beneficiando delle nuove tecnologie a disposizione per rinnovarsi. Trattandosi di una rappresentazione della nascita di Gesù, il presepe ha trovato larga diffusione in tutti i paesi cattolici del mondo, a partire dall’Italia, luogo in cui ebbe origine mediante S. Francesco D’Assisi nel 1223. In seguito, infatti, l’usanza di allestire il presepe si affermò in Italia, sino ad estendersi man mano anche al resto d’Europa, prima come pratica ecclesiastica e poi nelle case degli abitanti.

Se il significato del presepe rimane sostanzialmente lo stesso, ad evolversi è la rappresentazione stessa del presepe, che presenta oggi possibilità sceniche un tempo impensabili, come l’utilizzo di meccanismi che permettono il movimento dei figuranti, o la loro realizzazione mediante l’uso di materiali di recupero, insomma nessun limite alla creatività e al genio dei maestri artigiani che creano delle vere e proprie opere d’arte.

Un esempio tutto siciliano nella tradizione del presepe arriva da Giarre, comune sulla costa orientale delle Sicilia, in provincia di Catania. è qui che dal 2003 viene ospitato il Museo del presepe, all’interno di un nobile palazzo ottocentesco, proprio nel centro cittadino. Per la comunità si tratta di un vero orgoglio, considerato che il museo è portato avanti dalla passione travolgente del suo presidente, Salvatore Camiolo, grazie all’Associazione Italiana Amici del Presepio. Il museo, visitabile tutto l’anno, conta la presenza di circa trecento esemplari tra presepi e diorami, ovvero dei presepi molto speciali, dove le scene sono rappresentate all’interno di scatole che, aperte su un lato e mediante una serie di giochi prospettici permettono allo spettatore di addentrarsi all’interno di queste scene secondo una visuale particolarissima. Le opere ospitate dal Museo arrivano da ogni parte d’Italia e del mondo, opere di appassionati come lo stesso Salvatore, e opere di maestri illustri, donazioni che costituiscono un inno alla diversità, sia per le diverse rappresentazioni del tema, sia per i diversi materiali utilizzati. La tradizione, ma anche l’innovazione, come lo stesso Salvatore racconta orgoglioso anticipando l’evento da lui stesso promosso di un corso innovativo di Arte presepiale rivolto a tutti, realizzato il prossimo aprile da un maestro del presepe Francesco Farano, il quale metterà a disposizione la propria esperienza per la realizzazione del presepe.

E poi c’è la Sicilia che si fa magica, è la Sicilia dei presepi viventi, dove figuranti in carne ed ossa riproducono il tema della natività con grande cura dei dettagli, con scenografie realizzate ad hoc, il tutto reso ancora più prezioso dallo spettacolo delle bellezze naturali siciliane. Tra i presepi viventi da non perdere occorre citare il presepe di Montalbano Elicona, borgo medievale in provincia di Messina, già proclamato tra i borghi più belli d’Italia: qui il presepe si svolge nella zona più antica, il quartiere Serro, e coinvolge l’intera cittadina, una celebrazione molto sentita tanto da aver conquistato il premio regionale come miglior presepe.

Altro centro cittadino, altro borgo proclamato tra i più belli d’Italia nel 2014. Si tratta di Gangi, piccolo gioiello in provincia di Palermo. Qui ha luogo uno tra i più suggestivi presepi della Sicilia, dove va in scena “Da Nazareth a Betlemme”, in cui una voce e una colonna sonora guidano lo spettatore nel viaggio della natività. Tutto è realizzato con estrema cura al dettaglio, grazie anche agli studi storico-antropologici e religiosi realizzati.

Infine, tra le numerose rappresentazioni che si svolgono a spasso per la Sicilia, occorre citare Custonaci, città in provincia di Trapani, scenografia naturale mozzafiato di un evento imperdibile. Si tratta di un presepe vivente che conta la presenza di 160 figuranti e di una scenografia naturale di enorme valore, trattandosi di una grotta preistorica denominata Grotta Mangiapane (dal nome del nucleo familiare che vi abitò a partire dal 1800 e fino alla fine dell’ultima guerra mondiale).

La Sicilia può davvero diventare magica a Natale. E talvolta la ricerca delle tradizioni di un territorio e la voglia di autenticità rappresentano forse la chiave per ritrovare il senso del Natale e magari quell’ armonia natalizia ci accompagnerà tutti, almeno per le feste!