Dante Alighieri Copenaghen

Matera

Matera

News, Viaggi
giugno 11, 2018

  Morten Beiter scrive un articolo su Matera pubblicato da Weekendavisen il 9 maggio scorso. Si riferisce  alla visita di Luisa Levi  al fratello Carlo condannato al confino ad Aliano (in  provincia di Matera) perché antifascista e al libro di Carlo Levi “Cristo si......

Continua a leggere...

XII edizione 2018 del Premio Letterario
«Città di Castello»
 

riservato a opere inedite di 
Narrativa, Poesia e Saggistica.

SCADENZA 30 GIUGNO 2018

La giuria del Premio è presieduta dal Presidente Alessandro Quasimodo e completata dall’Ambasciatore d’Italia Claudio Pacifico, dal Segretario Generale della Società Dante Alighieri Alessandro Masi, dalla scrittrice e attrice Anna Kanakis, dal giornalista Antonio Padellaro, dalla giornalista e scrittrice Loredana Lipperini, dal giornalista e scrittore Renato Minore, dalla storica e collaboratrice di RAI Storia Isabella Insolvibile, dall’artista e poeta Gio Evan, da Francesco Petretti,autore di saggi e documentari televisivi, dalla docente dell’Università Roma Tre Marinella Rocca Longo e dal giornalista e critico Giovanni Zavarella.

Interessante novità per facilitare soprattutto gli scrittori che partecipano dall’estero: quest’anno si potrà inviare il materiale anche on line ed evitare costi di fotocopie e spedizioni postali.

L’Associazione Culturale «Tracciati Virtuali» informa che per ogni iscrizione al Premio saranno devoluti in beneficenza € 10,00 a favore della Associazione “Camera 7 – V Piano – Comitato Federico Padovani”.

Scarica qui il Bando2018

 


Leggi anche…

CONSIGLIATI DA NOI

UN LIBRO PER VOI



Parole ritrovate: COLTELLO

Strumento da taglio, usato come utensile e come arma, formato da una lama d’acciaio innestata in un manico, il quale può essere dello stesso materiale della lama e far corpo con essa oppure di altro materiale (corno, legno, avorio ecc.). Sono tipi di c. (v. fig.): il c. fermo, con manico fisso; il c. a serramanico, in cui la lama può rientrare nel manico; il c. a scrocco o a scatto, c. a serramanico nel quale la lama fuoriesce spinta da una molla azionata con un pulsante posto sull’impugnatura. Nei c. elettrici l’azione di tagliare viene eseguita da due lame affiancate che, comandate da un motore elettrico, si muovono l’una in direzione opposta all’altra con movimento rapido e alternato. Il c.-ruota o c. stozzatore circolare è un utensile a forma di ruota dentata con denti taglienti, usato nelle macchine dentatrici per la fabbricazione di ingranaggi con moduli non unificati non eseguibili con i creatori.

Oltre che per uso quotidiano e per la caccia, nel mondo antico il c. fece parte degli strumenti sacrificali: la kopís, a lama lunga e ricurva, e la máchaira, a lama leggermente ondulata tipologicamente a metà fra la spada e il coltello, furono usate dai Greci; i Romani ebbero un tipo di c. più corto, con lama di ferro, manico d’avorio e ornamenti d’oro e d’argento; tra i coltelli sacrificali è ancora da ricordare la secespita, dalla lama tozza e vagamente trapezoidale. Nella liturgia cristiana orientale il c. eucaristico, usato per tagliare la particella di pane destinata alla consacrazione, ebbe spesso lama in forma di lancia e manico in forma di croce (raro in Occidente, è tuttora in uso nella Chiesa greca).

Nel Medioevo, fin oltre il 16° sec., il c., usato anche come piccola daga, ebbe il manico variamente adorno. I c. da tavola, a volte riccamente decorati (manici di avorio, di metallo prezioso, con incrostazioni di smalti ecc.), si portarono anche appesi alla cintola, entro custodie di cuoio. Le lame furono spesso ageminate e graffite. Dal 15° al 16° sec. abbondano gli esempi di ricca coltelleria (come, per es., quella di Giovanni di Borgogna, 1419, nel Victoria and Albert Museum di Londra). Nel 18° sec. si usò per il manico anche la porcellana e la madreperla. Nel moderno design anche il c. come componente di posaterie, o isolato, è stato oggetto di ricerca formale e funzionale. C. sezionatore In elettrotecnica, organo di sezionamento dei circuiti a media e alta tensione, costituito da una lama di rame, imperniata nel punto medio, o a una estremità, e che va a impegnarsi in adatto contatto a molla.

(Da Treccani.it)


La Dante Alighieri di Copenaghen offre possibilitá di stage con crediti formativi per studenti Universitari e stage per laureati che necessitano di ore di lavoro riconosciute dallo Stato Danese.

Se hai competenze informatiche, se ti piace scrivere, se ami raccontare storie, recensire libri e vuoi partecipare a nuovi progetti in tutte le loro fasi, cosa aspetti? La Dante Alighieri di Copenaghen offre anche la possibilitá di svolgere il lavoro online comodamente da casa tua.

Contattaci subito!

ATTENZIONE: Non dimenticare di rinnovare la tua iscrizione per l´anno 2018… Ci sono in programma bellissimi eventi esclusivi per i soci. Ti aspettiamo!