Presentazione

Ciao! Sono Gisella,

l’idea di “Dante Racconta” è mia. Si potrebbe dire che “sono nata con la penna in mano”, perché amo scrivere! In Italia ho lavorato come giornalista. Ho collaborato con la sezione regionale di un quotidiano, e ho creato una rivista di natura (per ora in standby) con una bella redazione di sei persone. Quella è stata un’esperienza importantissima, che mi ha insegnato la difficoltà di scegliere gli argomenti e di esaltare le capacità di ognuno. Quando mi sono trasferita in Danimarca, quasi dieci anni fa, ho cercato il modo di continuare a scrivere… e quindi è nata la piccola “Dante Racconta”. Insieme a Massimo, ho iniziato a insegnare italiano, e piano piano abbiamo creato sei manuali (che si chiamano “Via Libera”) per aiutare i nostri studenti a imparare. Amo quello che faccio, perché mi permette di incontrare tante persone sorridenti, e di portare avanti la mia passione, ossia scrivere. Appena posso, prendo la macchina fotografica e vado in giro: la Danimarca offre dei paesaggi davvero meravigliosi, in tutte le stagioni (certo… quando c’è il sole è meglio!).

La redazione di “Dante Racconta”: Gisella e Massimo.

Ciao! Sono Massimo!

Non serve dire che sono italiano: si può vedere dal modo in cui muovo sempre le mani quando parlo! Sono stato uno dei primi programmatori, quando ancora i computer avevano bisogno di una stanza intera; poi ho fatto molti lavori diversi, e sono anche stato pizzaiolo. Ecco cosa mi ha portato in Danimarca, all’inizio, dieci anni fa! Preparare le pizze mi piaceva, ma avevo voglia di stare più tempo insieme alle persone; ecco perché ho cominciato a insegnare italiano. Da quando è nata l’avventura di creare manuali di italiano per danesi, mi occupo soprattutto della parte grafica e elettronica. Sono molto contento di sentire che l’Italia è una destinazione importante per le vacanze dei danesi, ma mi dispiaceva sapere che molte persone conoscono solo le località più famose, come Verona, Venezia, il lago di Garda… Ecco perché è nata anche l’idea di un libro chiamato “Venti Rægioni – più di venti ragioni per visitare le venti regioni d’Italia”: perché amo i piccoli borghi, pieni di storia e di atmosfera, e sono contento di suggerirli a chi vuole visitare luoghi meno famosi. Parlare dell’Italia mi aiuta, quando il cielo danese è grigio per troppo tempo!

Henning racconta
rivista

Henning racconta

Il pozzo di San Patrizio Gli italiani si servono di tanti modi di dire. Per esempio si dice che qualcuno “è il pozzo di San Patrizio” se la sua fortuna...

0
16 Mag 2018