Archivio degli autori Dante Alighieri Copenaghen

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Premio Dante Alighieri Copenaghen 2019 – ” Leonardo da Vinci ” …ecco i vincitori!

Il 25 aprile: la premiazione del vincitore del Premio Dante Alighieri Copenaghen 2019 “Leonardo Da Vinci”.

I concorrenti hanno partecipato con un opera letteraria, artistica, ingegneristica o archittettonica ispirata al “genio” di Leonardo. (in fondo all´ articolo le foto delle opere e della premazione).

La giuria – composta dal oittore danese  Allan Stabell. il Prof. Erling Strudsholm, la giornalista danese Birgit Brunsted, il Dott. Nicola De Negri (Metro Service), l´architetto italiano Livia Costantino – ha valutato tutti i progetti in forma anonima e conosciuto i cinque finalisti solo il giorno della premiazione.

Tra i cinque finalisti sono stati scelti solo tre vincitori.
La premiazione si è svolta il 25 aprile presso l´IIC con consegna del primo premio da parte dell´Ambasciatore Italiano Luigi Farina.

Il primo premio, un viaggio studio in Italia presso una delle prestigiose scuole Dante Alighieri, è stato assegnato al lavoro pittorico di Lianne Sommer Andersen.
Lianne è grafico e appassionata di lingua e cultura italiana.

Lianne Sommer Andersen – Primo Premio Dante Alighieri Copenaghen 2019 :  “Premio Leonardo da Vinci”

Il secondo premio, un corso di lingua italiana individuale e personalizzato per 4 settimane, in Danimarca, è stato assegnato a Lise Tange che ha presentato come progetto una scultura in marmo ispirata all´arte di Da Vinci.
Il terzo premio, La vigna vecchia (1,5 litri) dell´azienda Cossetti, è stato assegnato a Lars Østergaard per il suo progetto archittettonico.

La presidente della Dante Alighieri di Copenaghen, Pinuccia Panzeri ha introdotto Leonardo da Vinci, illustrando sapientemente seppur in breve tempo tutti gli aspetti della genialitá di Leonardo: pittore, sculturore, ma anche ricercatore, botanico, scenziato…
Dopo la premiazione non sono mancati i festeggiamenti con un ricco buffet e un bicchiere di ottimo vino italiano.

I vini sono stati offerti dallo sponsor bdfood-wine.dk

 Il Concorso é atato organizzato da Società Dante Alighieri København in collaborazione con Den Italienske Ambassade, Det Italienske Kulturinstitut, Det Italienske Handelskammer, Ordrup Bibliotek og FOF Gentofte.

 Sponsor: Metro Service, BD Food- Wine
I membri della Dante Alighieri di Copenaghen possono acquistare il vino con sconti speciali al seguente link:
bdfood-wine.dk (ricordate di scrivere il vostro codice socio).

Ma il nostro Festival della Primavera italiana non é ancora finito.

Il prossimo appuntamento é sulla Architettura italiana. “Prospettive, volte e rivolte: l´architettura nello stivale”. L´architetto italiano Livia Costantino ci parlerá dell´Italia dal punto di vista della architettura. Vi aspettiamo il 9 maggio alle 19:00 presso la Biblioteca di Ordrup. Ingresso gratis ma ricordate di prenotare.

Maria é anche quest´anno, il Direttore Artistico del Festival “La Primavera Italiana”  – seconda edizione.
Det Italienske Forår Festival é organizzato in collaborazione con la Ordrup Bibliotek, dal primo marts al  31 maggio 2019.
Programma del Festival ” La Primavera Italiana” 2019: 
https://www.dante-alighieri-cph.dk/tutti-gli-eventi-del-festival/
Non sei ancora membro della Dante Alighieri di Copenaghen? 
Sei il benvenuto!
Puoi visitare il nostro sito al seguente indirizzo e leggere tutte le indicazioni per diventare membro:
AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

PREMIO “LEONARDO DA VINCI” – PRIMA EDIZIONE

La segreteria del Premio rende noto che la giuria composta da:

 

 Presidente del Premio Allan Stabell
Giurato  Erling Strudsholm
Giurato  Birgit Brunsted
Giurato  Nicola De Negri
Giurato  Livia Costantino 

in data 15 aprile 2019 ha completato l’esame degli elaborati a concorso.

 

Pertanto rientrano nei finalisti i seguenti candidati:

 

Lars Østergaard – codice 40696683 

Lise Tang – codice 40445849 

Martha Elias – codice 40216610 

Karina Dorthe Larsen – codice 40357620

Lianne Sommer Andersen – codice 40539189 

 

Tra i finalisti verranno eletti 3 vincitori.

 

PREMI: / Præmier.

1° Premio: Borsa di Studio e diploma di partecipazione

2° Premio: Corso individuale di lingua italiana con madrelingua e diploma di partecipazione

3° Premio: Una bottiglia di vino italiano e diploma di partecipazione

 

La cerimonia di premiazione si terrà il 25 aprile 2019 all’Istituto Italiano di Cultura alle ore 19:30.

 

Tutti i partecipanti sono invitati

ma gli accompagnatori devono prenotare inviando una mail a eventi@dante-alighieri-cph.dk

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

CAMERA FILM presenta DOGMAN di MATTEO GARRONE

Danmarkspremiere il 28 februar

L’italiano Matteo Garrone (1968) ha avuto una svolta epica con la sua inedita, quasi documentaria, realistica “Gomorra” (2008), raffigurante il comportamento violento della camorra napoletana. Quattro anni dopo, era di nuovo sotto i riflettori con “Reality” (2012), una commedia colorata e divertente. Poi è arrivato il grottesco film fantasy barocco – o forse più film fantasy – “Tale of Tales” (2015). Con “Dogman”, Garrone è tornato al punto di partenza di “Gomorra”; vale a dire, il mondo sotterraneo violento, a testa bassa, criminale, che si trova alla periferia di molte delle città del sud Italia. Il film è stato presentato nella competizione principale a Cannes lo scorso anno, dove Marcello Fonte ha vinto il premio come miglior protagonista maschile.

Nella periferia di Roma, a via Magliana 253, nel quartiere Portuense, Marcello è un uomo che divide le sue giornate tra il lavoro nel suo modesto salone di toilettatura per cani “Dogman”, l’amore per la figlia Sofia e un ambiguo rapporto di sudditanza con Simoncino, un ex pugile che terrorizza l’intero quartiere.

Dopo l’ennesima sopraffazione, per riaffermare la propria dignità, Marcello mette in atto una vendetta terribile e dall’esito inaspettato.

 

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Borsa di studio “Lucia Pantaleo” 2019

La SCUDIT, Scuola di Italiano Roma, nostra partner,  ha indetto un concorso con in palio una borsa di studio.

Per poter accedere al concorso bisogna partecipare al QUIZ online creato da SCUDIT.

Potete trovare il quiz a questo indirizzo web:

http://www.scudit.net/mdborsa2019_quiz.htm

Istruzioni

Un corso di italiano di 80 ore/lezione fra giugno e settembre 2019 a Scudit Roma (valore complessivo 690 Euro), completamente gratuito. E come sempre per tutti(ma proprio tutti!) i partecipanti, qualche altra forma di premio (sconti e facilitazioni sui corsi intensivi estivi per chiunque abbia partecipato).

Per rispondere alle domande non è necessario avere una grande conoscenza della lingua italiana (altrimenti a che servirebbe la borsa di studio?), ma sarà necessario avere soprattutto un po’ di intuito e una buona dose di fortuna.
Con un pizzico di pazienza e certo “googlando” un po’  tutti ce la possono fare!

An Italian language course of 80 academic hours in the period from June to September 2019 at Scudit Roma (total price Eur 690) completely free of charge. As always, all the participants (indeed, each and every participant!) will get a prize of some kind (various discounts for intensive summer courses).

To answer the questions of the quiz you do not need an advanced level of Italian (otherwise what would you need the scholarship for?), you mostly need a bit of intuition and a good portion of luck.

Being patient and googling a bit, everyone can succeed!

LE 13 DOMANDE DI
“ALLA FACCIA DEGLI ARTISTI”
THE 13 QUESTIONS OF THE

QUIZ “ALLA FACCIA DEGLI

ARTISTI”

 

Si tratta di riconoscere 13 artisti italiani con la faccia parzialmente coperta.

Come esempio useremo però una artista straniera: sapete riconoscere la artista nascosta dal passamontagna nella foto qui sopra?

Stavolta possiamo darvi immediatamente la soluzione:
Il volto nascosto dell’artista è quello di Frida Kalò.

The aim is to recognise 13 Italian artists by their partly covered faces.

Here is an example for which we use, however, a foreign artist: can you recognise whose face is covered by the ski mask in the photo above?

This time we can give you the answer immediately:

the covered face is that of Frida Kalò.

 

TERMINI PER LA PARTECIPAZIONE
AL CONCORSO
Le risposte devono esserci inviate entro il giorno 5 aprile (incluso) del 2019.
La possibilità di inviare soluzioni scade esattamente a mezzanotte (ora italiana), fra il 5 e il 6 aprile.
Il giorno 8 aprile troverete pubblicati in Matdid i nomi dei vincitori (e la soluzione del quiz, naturalmente)
TERMS OF
PARTICIPATION
IN THE QUIZ
 The answers are to be submitted on or before April 5, 2019.It will be possible to submit answers till midnight (Italy time) between April 5 and April 6.

On April 8 you will find the winners’ names (and the correct answers, of course) on Matdid website.

 

REQUISITI PER
PARTECIPARE
Il concorso è aperto a tutti. L’unico requisito richiesto è quello di essere stranieri. Si può partecipare una sola volta.Attenzione: se la soluzione del quiz viene mandata dallo stesso mittente più di una volta, sarà considerata valida solo la prima spedizione.
REQUIREMENTS FOR PARTICIPANTS
The quiz is open to everyone. The only requirement is to be a foreigner (not Italian).You may submit your answers only once. Attention: if one person submits answers more than once, only the first submission will be considered as valid.

 

VINCITORI

Il primo premio viene assegnato a chi avrà mandato tutte e tredici le risposte esatte, o, comunque, il maggior numero di risposte esatte fra tutti i concorrenti.
In caso di “pari-merito”, ovvero di più persone che abbiano mandato tutte le risposte esatte, sarà considerato vincitore il concorrente che avrà inviato il modulo di risposte per primo (fa fede l’orario di invio delle soluzioni del quiz). Agli altri verrà assegnato il 2° premio.

I nomi dei vincitori saranno pubblicati in Matdid l’8 aprile 2019.
Contatteremo comunque direttamente via email il vincitore del primo premio, la borsa di studio al 100%. 
Gli altri premiati, che saranno moltissimi!, troveranno il loro nome online. Chi non vuole vedere il proprio nome pubblicato può indicarci uno pseudonimo nel modulo di partecipazione: noi pubblicheremo solo lo pseudonimo.
Assegneremo infatti – come sempre – numerosi altri premi a tutti i partecipanti in base alla quantità di risposte esatte che ci avranno inviato. Se volete avere idea della quantità e del tipo di premi che assegneremo, date un’occhiata alla pagina dei vincitori dello scorso anno.

Nota: borse di studio, sconti e facilitazioni non sono cumulabili fra loro, non sono frazionabili e non sono cedibili a persone diverse dagli assegnatari.

WINNERS
The first prize will be awarded to the participant who will have given all the thirteen correct answers or, in any case, more correct answers than all the other participants.In case several persons give all the correct answers the first prize will go to the participant who will have been the first to submit the answers (will be taken into account the time when the module was submitted). The others will obtain the second prize.The winners’ names will be published on Matdid website on April 8, 2019.

In any case, we will contact directly, via email, the winners of the first prize, the 100%-scholarship.

The other participants, who will be numerous!, will find their names online. Those who do not want their names to be published may indicate a pseudonym in the module: we will publish only the pseudonym.

As always, we will award a lot of other prizes to all the participants, depending on the number of the correct answers. If you want to have an idea of the number and nature of the other prizes take a look at the page dedicated to the last year winners.

 

Notescholarships and discounts are not cumulative, may not be fractioned or handed over to others.

 

PREMI

1° premioborsa di studio al 100% per frequentare gratuitamente un corso intensivo di lingua e cultura italiana di 80 ore/lezione di 4 settimane presso Scudit, Scuola d’Italiano Roma fra i mesi di giugno e settembre 2019.
Il premio viene assegnato a chi avrà mandato tutte e tredici le risposte esatte, o, comunque, il maggior numero di risposte esatte fra tutti i concorrenti.

In caso di “pari-merito”, ovvero di più persone che abbiano mandato tutte le risposte esatte, sarà considerato vincitore il concorrente che avrà inviato il modulo di risposte per primo (fa fede l’orario di invio delle soluzioni). Agli altri verrà assegnato il 2° premio.

1° PREMIO
0 Euro invece che 640 + tassa d’iscrizione

GLI ALTRI…

Gli altri premi sarano sconti sull’iscrizione ai corsi intensivi proporzionali al numero di risposte esatte date

PRIZES

1st prize: 100%-scholarship to attend, free of charge, an intensive summer course of the Italian language and culture in the period from Juny to September 2019. Duration of the course – 80 academic hours in four weeks. Location – Scudit, Scuola d’Italiano Roma.
The first prize will be awarded to the participant who will have given all the thirteen correct answers or, in any case, more correct answers than all the other participants.
In case several persons give all the correct answers the first prize will go to the participant who will have been the first to submit the answers (will be taken into account the time when the module was submitted). The others will obtain the second prize.

1st PRIZE
Eur 0 instead of 640 + enrolment fee

THE OTHERS…

The other prizes are discounts for intensive courses, the discounts will be proportional to the number of correct answers.

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Nuovo Programma 2019

Il nuovo Progamma 2019

da gennaio a maggio é ora online.

Leggi il programma sul tuo pc oppure scarica il Pdf.

Clicca qui   per vedere il programma completo 2019 da gennaio a maggio in PDF.

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Dantes guddommelige komedie

Cari amici
vi informiamo che abbiamo ancora alcuni biglietti scontati pris 150 kr + billetgebyr per questo spettacolo dedicato a DANTE

DANTES GUDDOMMELIGE KOMEDIE
d. 8 gennaio a 20 (premiere)
Luogo: Theater Republique

Se sei interessato, è necessario ordinare entro e non oltre il 5 dicembre all’indirizzo info@dante-alighieri-cph.dk

I primi due membri che ordineranno, vinceranno un biglietto gratuito per. Person.
_____

 

Dantes guddommelige komedie

 

Beskrivelse
I Staffan Valdemar Holms iscenesættelse står Stina Ekblad alene på scenen. I skikkelse af figuren Dante tager hun dig med på en psykologisk rejse, hvor mødet med frygt, skam og uendelig lidelse lærer Dante om livet. Vi er i år 1300, og Dante kan ikke længere finde en retning i tilværelsen. Hans eksistentielle forvildelse leder ham på en rejse gennem Helvede, Skærsilden og Paradis, og det går op for ham, at det først er i konfrontationen med døden, vi lærer om livet.

Med DEN GUDDOMMELIGE KOMEDIE skabte den italienske digter, Dante Alighieri, en øjenvidneberetning om, hvad det vil sige at vandre gennem Helvede. Dante var derfor en af de første til at sætte ord og billeder på Helvede som begreb. Billeder, som lige siden har været helt afgørende for vores forestillinger om Helvede – i både malerkunsten, litteraturen, filmverdenen og musikken.

Instruktør
Staffan Valdemar Holm
Scenograf
Bente Lykke Møller
Lysdesigner
Clement Irbil
Oversættelse
Ole Meyer
Medvirkende
Stina Ekblad
Bearbejdelse
Karen-Maria Bille
Produktionsleder
Markus Schulin-Zeuthen
Scenemester
Kasper Hust Frandsen
Forestillingsleder
Alice Sjurkalina
Belysningsmester
Peter Lorichs
Tonemester
Anders Munch Amdissen
Skræddersalsleder

Kristina Widriksen

“Næste gang du ser en amerikansk film, og nogen siger ‘I’ll give you Hell!’, skal du tænke på Dante. For det var ham, som gav os Helvede!”

Staffan Valdemar Holm instruktør
AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

”Meccanismi di formazione e crescita del capitale umano: opportunità e modelli innovativi per uno sviluppo sostenibile”.

Lo scorso 18 ottobre 2018, si è tenuto presso l’Istituto Italiano di Cultura l’evento dal titolo ”Meccanismi di formazione e crescita del capitale umano: opportunità e modelli innovativi per uno sviluppo sostenibile”. L’iniziativa fa seguito al ciclo di seminari e iniziative disegnate dalla Prof.ssa Oriana Perrone – esperta in Strategia and Sostenibilità sottoil cappello “Business in Society”, realizzate all’interno della divisione “Cultura di Impresa ” che dirige all’interno della Dante Alighieri Copenhagen. Scopo ultimo è favorire la maggiore comprensione e diffusione delle implicazioni per imprese, governi e società civile nell’implementazione di strategie di sostenibilità secondo gli SDGs.

L’evento è stato caratterizzato dal dialogo allargato tra imprese, istituzioni e società civile sulle implicazioni in particolare dell’obiettivo di sostenibilità n.4: si è discusso di cultura ed educazione in chiave SDGs (obiettivi di sviluppo sostenibile) per la crescita dei popoli e dei territori, passando attraverso la centralità del capitale umano quale elemento determinante per il cambiamento.

“ ..nel processo di cambiamento globale per uno sviluppo che sia sostenibile, il capitale umano diventa un fattore determinante per orientare le scelte e i comportamenti degli individui, e nella gestione delle complessità. Dalle imprese ai governi alla società civile, modelli innovativi di sostenibilità prendono forma grazie alla libera espressione dell’individuo e del potenziale umano. Nell’era della globalizzazione, la diversità culturale diventa ricchezza e la multiculturalità base stessa per la creazione di valore” ha detto la Prof.ssa Oriana Perrone.

Sono stati presentati infatti gli sforzi in campo SDGs di Rockwool, dalla strategia alla pratica, con la lente dell’integrazione delle diversità e per la valorizzazione dei talenti per una cultura di impresa di successo. L’azienda , ha raccontando la sua esperienza ed esposto le azioni concrete implementate in termini SDGs. Mentre Reggio Children ha descritto il funzionamento dell’approccio formativo proposto per scuole e istituzioni, mettendo in luce gli aspetti distintivi in esperienze progettuali internazionali di successo per la formazione delle nuove generazioni nell’era globale. La Dante Alighieri Roma ha approfondito le implicazioni legate al linguaggio per l’inclusione sociale in ambienti multiculturali, che condizionano gli aspetti culturali del vivere civile, dalla comunicazione non verbale e verbale alla rete. Infine sono stati presentati alcuni dati sulla presenza della comunità italiana nel territorio danese e messe in luce convergenze e nuove sfide per una piena integrazione culturale, partendo dalla formazione e grazie al linguaggio. Sono state accolte le richieste espresse con riferimento alla necessità di ricercare una realtà in cui gli approcci di tipo pedagogico-formativo, socio-educativo e linguistico, possano esercitare un’azione congiunta nella proposta di processi educativi per la formazione delle future generazioni (per supportare la gestione delle complessità muti-culturali e favorire il benessere e la crescita delle comunità nella piena inclusione sociale).

L’evento è stato realizzato grazie al pieno supporto dell’Ambasciata Italiana in Danimarca che ha accolto l’iniziativa quale evento italiano sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana in occasione della “Settimana della Lingua Italiana nel mondo”, e dell’Istituto Italiano di Cultura.

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

PREMIO LEONARDO DA VINCI prima edizione 2018-2019

PREMIO LEONARDO DA VINCI
prima edizione 2018-2019

IL PRIMO PREMIO ITALIANO UFFICIALE IN DANIMARCA
DEDICATO AL GENIO DI LEONARDO DA VINCI

Data di scadenza del bando:
tutte le domande di iscrizione con prova di pagamento della relativa quota
devono essere inviate via mail compilando l´apposito modulo di iscrizione
entro e non oltre il 15 dicembre 2018 alle ore 12,30.

Leggi il regolamento completo: REGOLAMENTO

Scarica qui la domanda di partecipazione al concorso:

 MODULO A1: Domanda di partecipazione 

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Un amore e un “amaro”

È il 2009 quando Enzo Sorbo, per motivi di lavoro, è costretto a lasciare la natìa Casapulla (Ce) e a trasferirsi in Lucania, a Teggiano, un incantevole borgo medioevale arroccato su un’altura e la cui bellezza rasenta la perfezione: un castello, 13 chiese, vari musei, vicoletti che si inerpicano nel centro storico regalando scorci che hanno il sapore del passato, una vista mozzafiato sull’intera Valle di Diano.
Passano quasi 10 anni ed Enzo non torna più indietro, resta, perché qui incontra l’amore della sua vita, Vincenza Tropiano che, invece, a Teggiano ci è nata e cresciuta. I due ragazzi sognano di costruire una vita insieme, che non si esaurisca nell’amore dell’uno per l’altra, ma che rifletta quello che nutrono per la splendida cittadina che li ha accolti e ha dato loro una casa, che li ha visti innamorarsi e mettere radici, come coppia.

L’ispirazione arriva loro quando, per caso, aprono un cassetto del papà di Vincenza, Gaetano, che lì dentro aveva riposto un sogno tanto grande che, da solo, non era riuscito a realizzarlo. Decidono di rispolverarlo, perché sì, finalmente è arrivato il momento per portare avanti quel progetto rimasto abbandonato!

Enzo e Vincenza sanno che è proprio quello il momento giusto, perché hanno dalla loro parte la forza dell’amore e il coraggio della giovinezza, la grinta e la tenacia che attingono dalla loro terra, la saggezza e la benedizione di Gaetano, il suo sguardo benevolo su di loro. In quel cassetto, per tanti anni, il papà di Vincenza aveva custodito gelosamente la ricetta segreta di un infuso di erbe aromatiche ed officinali, assieme all’idea di realizzare un amaro forte e deciso, che avesse gli aromi e i sapori, i profumi e le asprezze della Lucania.

Così, Enzo e Vincenza, aggiungendo un pizzico di dolcezza ed eleganza alla ricetta originaria, danno vita all’”Amaro Teggiano” e, pian piano, creano una piccola azienda di famiglia che produce e vende prodotti tipici locali. Il borgo di Teggiano, con il suo patrimonio storico e culturale, è continua fonte di ispirazione e, nel 2014, in occasione dei festeggiamenti per il tricentenario della statua di San Cono, che veglia sulla comunità e la protegge, la coppia realizza il “Lux Dianensis”, un elisir al mirtillo dolce e delicato, arricchito da uvetta sultanina e fichi bianchi del Cilento, lasciati a macerare nel liquore, una vera delizia! Ultimo nato in famiglia è il “Signore di Diano”, il cui nome è evocativo di antichità, miti e leggende ed ha il sapore forte e deciso degli amari tradizionali. Ma la passione si sa, è foriera di curiosità, sperimentazioni, nuove idee e, così, Enzo e Vincenza non si fermano mai.


Propongono l’ ”Amaro Teggiano” a chef, pasticceri e pizzaioli, che con la loro creatività ne fanno un ingrediente magico: il maestro pasticcere Domenico Manfredi lo usa per il golosissimo ripieno di raffinati cioccolatini; lo chef Domenico Vicinanza per dare ventata di rinnovamento e brio ai cantucci cilentani; lo chef Gerardo Benzato ci fa una glassa aromatica e caramellata per il suo filetto ai funghi porcini e cacio fondente al tartufo; il mastro pizzaiolo Angelo Rubbo lo nebulizza sulla sua pizza farcita con mortadella, fior di latte e pistacchi di Bronte. E ora che l’amaro Teggiano si sta facendo conoscere, apprezzare ed amare, i due ragazzi sono ancora infaticabilmente al lavoro per aprire una vinoteca, in piazza San Cono a Teggiano, dove sarà possibile degustare tutti i loro prodotti ed altri ancora, tutti a km 0, rigorosamente locali e legati alla tradizione.

Il lavoro e la passione di Enzo e Vincenza hanno già avuto importanti riconoscimenti, come il “Premio primula d’oro 2018”, organizzato dalla redazione di “ Info Cilento” e il prestigioso “Premio innovazione del prodotto” della Camera di Commercio di Salerno nel 2014, per “aver originato un prodotto di qualità che è diventato simbolo del territorio”, tanto da recare sull’etichetta la stella, simbolo di Teggiano e la foto di un giovane Gaetano Tropiano, che ha trasmesso ai figli tanti doni, tra cui il legame potente e indissolubile con le proprie radici e quello di continuare a credere ai sogni nonostante le difficoltà, con lo sguardo rivolto al futuro, ma con i piedi ben piantati sulla propria terra.
Ogni anno, l’11, il 12 e il 13 agosto, tra le vie di Teggiano si tiene una festa medievale, “Alla tavola della principessa Costanza”, un itinerario gastronomico nella Diano dei Principi Sanseverino. Percorrendo le stradine del borgo, i visitatori possono ammirare le fedeli ricostruzioni di antiche ambientazioni, il corteo storico, gli sbandieratori, le musiche dei menestrelli, l’assalto al castello e degustare di taverna in taverna, dislocate lungo il percorso, le pietanze medievali.

Quale migliore occasione per visitare Teggiano e conoscere i suoi prodotti enogastronomici?

Info: www.prolocoteggiano.it e www.amaroteggiano.it

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Pasta margherita… e l´estate é servita!

Quanti di voi amano la pasta italiana?!? Certo in estate la pasta al sugo, anche se buona, forse non é proprio l´ideale.

Vi proponiamo questa video ricetta di CookAround dopo averla provata per voi!

Vi assicuro che era buonissima. Nella nostra variante abbiamo usato una mozzarella di Bufala Galbani tagliata a pezzettini e aggiunto (direttamente nel piatto per decorare) anche un po´di origano… ci stava proprio bene.

Come tipo di pasta vi consigliamo quella di Gragnano o comunque una pasta trafilata al bronzo, che tiene meglio la cottura. Ma se proprio non la riuscite a trovare va benissimo la Barilla.

Auguriamo a tutti buon appetito!

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Benvenuto Ambasciatore!

In Danimarca per promuovere l’#Italia e le sue eccellenze : esportazioni, cultura, arte, scienza, tecnologia, turismo e sport. Lavoreremo per i cittadini e per le imprese, a sostegno del sistema Paese”.

Queste sono le parole del nuovo ambasciatore italiano in Danimarca, Luigi Ferrari. Le leggiamo sul notiziario dell’Aise e non possiamo che esprimere tutto il nostro entusiasmo per le intenzioni e la determinazione che il massimo rappresentante dell’Italia in terra danese dichiara.

La Società Dante Alighieri di Copenaghen, attiva proprio in Danimarca nel campo della promozione artistica e culturale, nutre curiosità e interesse per questo importante cambiamento e sorride entusiasta alla nuova rappresentanza, non dimenticando di ringraziare con la massima sincerità e stima l’Ambasciatore uscente, Stefano Quierolo Palmas, il cui ricordo resta delicato e presente.

Laureato a Roma nel 1993, Luigi Ferrari si dedica fin da subito alla carriera diplomatica.

Nel ’94 è a Stoccolma, nel ’99 in Luanda, poi nel 2003 di nuovo a Roma alla Direzione Generale dei Paesi dell’Europa.

Nel 2004 svolge la funzione di capo Uff. II del Servizio per l’Informatica e le Comunicazioni e la Cifra, e nel 2010 è vice direttore generale per l’Amministrazione, l’Informatica e le Comunicazioni.

Nel 2014 presta servizio presso il Ministero della Salute (fuori ruolo) in qualità di Consigliere diplomatico dell’ On. Ministro, e nel 2015 diviene ministro plenipotenziario.

Dall’ 11 luglio 2018, Luigi Ferrari è dunque ufficialmente il nuovo ambasciatore italiano in Danimarca, e noi cogliamo l’ occasione per augurargli un caloroso e sentito benvenuto!

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Assolutamente da non perdere!

In collaborazione con la Biblioteca di Ordrup, parte a settembre la nostra prima piccola Rassegna Cinematografica Italiana.

Non perdere i nostri appuntamenti con il Cinema… ti aspettiamo!!!


Piccola Rassegna Cinematografica Italiana

Cinema italiano – il primo lunedi del mese

Biblioteca di Ordrup, Ejgårdsvej 11, 2920 Charlottenlund


Lunedì 3 settembre, ore 17-19

Uno dei migliori modi per incontrare la cultura e la storia di un paese è attraverso i film. In collaborazione con la Biblioteca di Ordrup vi offriamo la possibilità di incontrare l’Italia moderna in tre nuovi film italiani il primo lunedì del mese di settembre, ottobre e novembre 2018. Ogni film sarà introdotto da una breve presentazione in danese, e tutti i film avranno sottotitoli in danese.

Si offrirà un bicchiere di vino rosso italiano all’inizio del film.

Nel primo film “La Cena” si cena in un ristorante a Roma. Flora, la padrona, interpretata dall’attrice francese Fanny Ardant, serve gli ospiti, che  chiaccherano del più e del meno, mentre i destini si incontrano e si staglia l’immagine delle abitudini e della vita quotidiana in Italia.  I dialoghi dei clienti ai tavoli della trattoria – alcuni sconci, altri intimi, affettuosi, tristi e poi i monologhi – vite ridotte in sugo alla carbonara vengono servite nel film del 2010 di Ettore Scola con un sorriso appena accennato.


Lunedì 1 ottobre, ore 17-19

“Perfetti sconosciuti”, proiezione di film

Nel secondo film della rassegna Cinema Italiano siamo anche qui seduti a tavola, ma questa volta si tratta di una cena fra amici, dove tre coppie e un single, benché pensino di conoscersi molto bene, scoprono che in verità sono degli sconosciuti. In questo film del regista Paolo Genovese, superpremiato e da grandi incassi che si avvicina ad un pezzo di teatro, Eva, la padrona di casa, propone un gioco azzardato: tutti posano il cellulare sul tavolo e permettono di rivelare ai presenti il contenuto di tutte le comunicazioni che riceveranno nel corso della serata per dimostrare che non hanno niente da nascondere. E così saltano fuori segreti e quella vita che si era voluta nascondere.

 


Lunedì 5 novembre, ore 17-19
“La Pazza Gioia”, proiezione di film

Arrivati al terzo e ultimo appuntamento sul cinema italiano siamo pronti a buttarci nel paesaggio toscano. Il regista Paolo Virzì, che diresse anche Capitale Umano, ci racconta in questo film del 2017 di due donne diverse che si incontrano in un ospedale psichiatrico in Toscana. La coppia strampalata finisce di scappare insieme, e durante la fuga attraverso la bellissima Toscana trovano la bellezza in ciò che non è perfetto, perchè sui documenti sono dichiarate totalmente pazze, ma in verità fuori fra i sani si comportano da  “normali”. Il melodramma, che ci offre un commento critico della società con una piega di comicità, vinse il premio cinematografico Davide di Donatello per il miglior film, miglior regista e miglior ruolo femminile.

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Torta salata con formaggio di capra e pomodorini

1

Impastate la farina con il burro freddo fino a ottenere dei bricioloni, poi unite 50 g di acqua in cui avrete sciolto un pizzico di sale. Raccogliete la pasta in una ciotola, sigillatela con la pellicola e lasciatela riposare in frigo per 1 ora circa. Ungete di burro uno stampo a cerniera (ø 16 cm, h 4 cm) e foderate il fondo con un disco di carta da forno. Stendete la pasta a 3 mm di spessore e con essa foderate lo stampo, rifilando i bordi.

2

Sbattete 2 tuorli e 1 uovo con 150 g di latte, un pizzico di sale e qualche foglia di menta tritata. Versate il composto all’interno dello stampo e completate con la fetta di tronchetto di capra e i pomodorini, disposti intorno. Infornate a 180 °C per 30-35’. Sfornate, lasciate intiepidire per almeno una decina di minuti, poi sformate la torta e servitela.

  • 150 g Farina
  • 150 g Latte
  • 75 g Burro più un po’
  • 1 pz Fetta di tronchetto di capra
  • 20 pz Pomodorini ciliegia
  • 2 pz Tuorli
  • 1 pz Uovo
  • Menta
  • Sale

Durata: 1 h 
Livello: Medio
Dosi: 4 persone

da lacucinaitaliana.it

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

I maccheroni alla chitarra

I maccheroni alla chitarra sono il piatto tipico abruzzese per eccellenza. La “chitarra” è il nome del telaio in legno sul quale vengono tirati dei sottili fili di acciaio, utilizzato per modellare i maccheroni.

Ingredienti
•400 gr. di farina di grano duro•
•4 uova intere•
•200 gr. di polpa di maiale macinata•
•500 gr. di pomodori pelati•
•1 carota•
•1 gambo di sedano•
•1 cipolla•
•Pecorino abruzzese q.b.•
•Olio extravergine d’oliva q.b.•
•Sale q.b.•
•Pepe q.b.

Preparazione
Preparate il ragù di maiale. Mondate, lavate e tritate sedano, carota e cipolla e fateli imbiondire in una casseruola con due cucchiai di olio extravergine di oliva.
Aggiungete la polpa di maiale macinata, rosolate bene la carne e aggiungete i pelati. Regolate di sale e pepe e lasciate cuocere il ragù per almeno 30 minuti.

Nel frattempo setacciate la farina sulla spianatoia, formate la fontana, aggiungete le uova, una presa di sale e impastate energicamente finché l’impasto non avrà una superficie lucida e liscia.
Tirate una sfoglia non troppo sottile con il mattarello, trasferite la sfoglia sulla chitarra e premete facendo scorrere il mattarello in modo da formare i maccheroni, che si presenteranno come lunghi “spaghetti” a sezione quadrata.

Lessate in maccheroni in abbondante acqua salata e scolateli al dente.
Condite i maccheroni alla chitarra con il ragù di maiale e serviteli con un’abbondante spolverata di pecorino abruzzese.

Accorgimenti
Questa ricetta prevede un uovo a porzione per l’impasto. Verificate il grado di cottura dei maccheroni dopo un paio di minuti che sono in pentola.
Idee e varianti
Alcune ricette non prevedono l’aggiunta di uova all’impasto, ma solo farina, acqua e sale.
I maccheroni alla chitarra vengono solitamente conditi con un ricco ragù preparato con carne di maiale o di agnello.

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Protetto: Napolis tusind farver

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Torta di carote

Ingredienti:

  • 200 g di carote
  • 4 uova
  • 200 g di zucchero
  • 100 ml di olio di semi di girasole
  • 100 ml di succo di arancia
  • 300 g di farina
  • 1 bustina di lievito per dolci (16g)
  • Zucchero a velo per decorare
  1. Per prima cosa, con una grattugia a denti larghi, iniziamo grattugiando le carote, precedentemente lavate e sbucciate. Teniamole da parte.
  2. In una ciotola rompiamo le uova e con l’aiuto di uno sbattitore elettrico iniziamo a mescolare. Aggiungiamo lo zucchero, l’olio di semi e il succo di arancia. Sempre continuando a mescolare uniamo anche la farina un po’ alla volta.
  3. Uniamo il lievito per dolci e frulliamo ancora. Infine, aggiungiamo le carote precedentemente grattugiate ed amalgamiamole bene all’impasto con l’aiuto di un cucchiaio. Il nostro impasto è pronto.
  4. Rivestiamo la base di una teglia rotonda (diametro 24cm) con cartaforno e versiamo all’interno il composto. Cuociamo in forno statico a 180° per circa 45-50 minuti, forno ventilato a 170° per circa 45-50 minuti. Una volta pronta, lasciamola raffreddare completamente prima di estrarla dalla teglia.
  5. Sistemiamo la torta di carote su un piatto da portata e decoriamola con abbondante zucchero a velo!

Da Fatto in casa da Benedetta

 

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

CONCORSO a PREMI STORIE DI ECONOMIA CIRCOLARE

CONCORSO a PREMI
STORIE DI ECONOMIA CIRCOLARE


CATEGORIE
VIDEO | FOTO | RADIO | SCRITTURA

Sei un giornalista, un videomaker, un fotografo, uno scrittore cui sta cuore il futuro del pianeta?  Vuoi contribuire a far conoscere al grande pubblico le realtà che in Italia fanno economia con attenzione alla tutela ambientale, ai diritti e alla valorizzazione del territorio?

 

RACCONTACI UNA STORIA!

Invia il tuo reportage e
PARTECIPA AL CONCORSO ITALIANO SULL’ECONOMIA CIRCOLARE


Il Concorso Storie di Economia Circolare è rivolto a chiunque voglia mettersi in gioco per raccontare attraverso video, fotografia, audio e scritti una piccola grande storia di cambiamento nel mondo dell’economia del nostro Paese.

Una votazione online e successivamente una Giuria Tecnica di Qualitàdecreteranno per ciascuna categoria in concorso le opere vincitrici, che sappianoraccontare con linguaggi innovativi le esperienze di economia circolare operanti sul territorio italiano.

I vincitori riceveranno un premio in denaro e supporto per la promozione dei lavori selezionati su media di rilevanza nazionale.

Il concorso è patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti.

ISCRIZIONE GRATUITA

SCADENZA INVIO MATERIALI: 31 MAGGIO 2018

SCOPRI COME PARTECIPARE!
AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

1 0 ° CONCORSO INTERNAZIONALE DI ESECUZIONE MUSICALE

Il Regolamento per la partecipazione alla decima edizione del Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale “Città di Airola”

The Regulation and Registration Form for the 10th Edition of the International Music Contest “Città di Airola” is available for download

Il Regolamento per la partecipazione

Premio di Interpretazione Pianistica “Francesco Moscato”


The Regulation of the 10th Edition of the Prize for the Pianistic Interpretation “Francesco Moscato”

Il premio di interpretazione pianistica “F. Moscato” si svolgerà ad Airola (BN) dal 26 al 28 Maggio 2018, presso il Teatro Comunale, Largo Capone.

Possono partecipare concorrenti di tutte le nazionalità senza limiti di età.Documenti necessari per l’iscrizione, da inviare necessariamente via e-mail all’indirizzo: annaizzo.concorsocittadiairola@gmail.com


The “F.Moscato” prize for pianistic interpretation will take place in Airola (Benevento) 26st May and 28st May 2018, at the municipal theater in Airola.

It is possible to participate for competitors of all nationalities with no age limits.annaizzo.concorsocittadiairola@gmail.com

Link in italiano 

Link english version

 

Il Regolamento per la partecipazione

Canto Lirico premio “ANGELO AFFINITA”


The Regulation of the 10th Edition of the Lyrical song prize “ANGELO AFFINITA”

Il Canto Lirico, Premio “ Angelo Affinita “ si svolgerà ad Airola (BN) il 17 e 18 Maggio 2018 presso il Teatro Comunale, Largo Capone.

Possono partecipare concorrenti di tutte le nazionalità senza limiti di età. Documenti necessari per l’iscrizione, da inviare necessariamente via e-mail all’indirizzo: annaizzo.concorsocittadiairola@gmail.com

The Lyrical Song Prize “ Angelo Affinita” will take place in Airola (BN) 17st May and 18st May 2018, at the municipal theatre in Airola. It is possible to participate for competitors of all nationalities with no age limits.

Documents necessary for registration should be sent preferably by e-mail to the following address: annaizzo.concorsocittadiairola@gmail.com

Link in italiano

Link english version

NOTE:

AIROLA, bellezza da scoprire

Airola si trova al centro della Valle Caudina, a 2 km dal sito storico che ospitò la leggendaria battaglia delle Forche Caudine, nel cuore del Sannio beneventano.

Il paese è dominato dal suggestivo monte Tairano, dai resti del medioevale castello adagiato sulla collina di Monteoliveto (risalente all’XI secolo) a cui fa da sfondo il massiccio del Taburno.

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

LA PRIMAVERA ITALIANA

In collaborazione con al Biblioteca di Ordrup, la Dante Alighieri presenta La primavera italiana, una rassegna divisa in quattro appuntamenti intorno alla poesia, film, musica d´autore e opera lirica. Offriamo un piccolo rinfresco dopo gli eventi.

21 marzo alle 18,30-21,00:
Poesia: a cura di Pablo Paolo Peretti. Un reading di poesie vecchie e nuove lette dai poeti Catia Simone e Francois Nédel Aterre. Cocktail di benvenuto e dolcetti di pasticceria italiana. Possibilitá di acquisto dei libri con autografo degli autori.

 4 aprile alle dalle 19.00 alle 22.00:
Cinema: Antonella Sdao presenta una breve introduzione al cinema italiano e presenta il regista della serata, Paolo Sorrentino. A seguire, il film premio Oscar di Sorrentino del 2013, caratterizzato dalla musica di Lele Marchetti. L’evento si svolge in italiano, ma il film verrà proiettato con i sottotitoli danesi.

18 aprile 19:30 alle 21:30:
Musica: la musica d´autore in un piccolo concerto piano e voce. Claudio Passilongo presenta alcuni dei più grandi cantautori italiani introducendo al mondo della storia della musica d´autore italiana. Pianoforte: Claudio Passilongo. Vokal: Alessia Fabiano.

2 maggio alle 19:30-21:30:
Opera lirica: il compositore Claudio Passilongo parla dell’opera lirica italiana attraverso i secoli. Una vera e propria guida all´ascolto per riconoscere epoche e stili. La lezione è condita con degustazioni audio e video.

 

Gratis. Gradita la prenotazione su genbib.dk/billetter oppure su dante-alighieri-cph.dk

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

LA PRIMAVERA ITALIANA

In collaborazione con la Biblioteca di Ordrup,  la Dante Alighieri di Copenaghen ha organizzato per voi La primavera italiana con quattro appuntamenti italiani dedicati a poesia, film, musica d´autore e opera lirica. Durante gli eventi verrá offerto un bicchiere di vino.
21 marzo alle 18,30-21,00:
Poesia: a cura di Pablo Paolo Peretti. Un reading di poesie vecchie e nuove lette dai poeti Catia Simone e François Nédel Atèrre. Durante l’evento verrà offerto un cocktail di benvenuto e dolci di pasticceria italiana.
4 aprile alle dalle 19.00 alle 22.00:
Cinema: Antonella Sdao presenta una breve introduzione al cinema italiano e presenta il regista della serata, Paolo Sorrentino. A seguire, la proiezione del film premio Oscar di Sorrentino, del 2013 , caratterizzato dalla musica di Lele Marchetti. L’evento si svolge in italiano, ma il film verrà proiettato con i sottotitoli danesi.
18 aprile 19:30 alle 21:30:
Musica: un piccolo concerto piano e voce. Claudio Passilongo presenta alcuni dei più grandi brani dei più e meno noti cantautori italiani. Un viaggio nella storia della musica italiana d’autore. Pianoforte: Claudio Passilongo. Vokal: Alessia Fabiano.
2 maggio alle 19:30-21:30:
Opera lirica: il compositore Claudio Passilongo parla dell’opera italiana attraverso i secoli, per imparare a riconoscere gli stili musicali dell’opera. Una vera e propria guida all’ascolto. La lezione è condita con degustazioni audio e proiezioni di videoclip.

Gratis. Gradita la prenotazione su genbib.dk/billetter  oppure su dante-alighieri-cph.dk

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Tre versi di Dante al giorno e togli il medico di torno.

email abbiati – foto –

Una curiosità a proposito del fascino che ancora esercita la Divina Commedia di Dante ai giorni nostri è rappresentata da ”…una sperimentazione poetica e sociale…” realizzata tutti i giorni da un giornalista di nuovi media. Un’opera che potremmo definire di ”Twitteratura”(perdonate il neologismo NDR). Si tratta di Marc Mentré che dal 27 maggio 2012 traduce e twitta tre versi de La Divina Commedia di Dante al giorno. Dopo aver twittato l’Inferno, si trova ora alle prese con il Purgatorio ma intende proseguire con Il Paradiso fino al 2022, ”se twitter esisterà ancora”…(NDT). Questo l’incipit di un articolo di Claire Darfeuille dal titolo ”La Divina Commedia in 10.000 tweets, una sperimentazione poetica e sociale” pubblicato sul sito: ”www.actualitte.com. Proponiamo qui una riduzione del medesimo articolo in base a ciò che riteniamo più interessante di quest’esperienza ai fini dei nostri interessi di divulgatori di cultura italiana e di apprendimento della lingua italiana.

Un’ avventura twitteraria?

Ebbene sì il poema di Dante é scritto in terzetti di endecasillabi che corrispondono a 140 caratteri di twitter ashtag compreso. Una felice coincidenza che ha permesso di stabilire un rapporto con l’opera dantesca in modo assolutamente social grazie alla scoperta di Marc Mentré.

Sperimentazione nella traduzione e apprendimento dell’italiano.

La limitazione ai 140 caratteri di twitter ha costretto il giornalista a provvedere personalmente alla traduzione in francese evitando quindi di essere costretto a pagare eventuali diritti d’autore. Per cui cinque anni fa ha cominciato a prendere lezioni d’italiano oltre ad utilizzare tutti gli ausili utili e canonici dell’interpretazione di Dante.

Non solo paparazzi

Marc Mentré considera Dante come un precursore dei grandi reporter. ” …Fa prova di una curiosità insaziabile, interroga incessantemente Virgilio sulle persone che sia bene incontrare…e quando qualcosa non merita di essere raccontata Dante fa un’ ellissi, cosa molto praticata dai giornalisti che gerarchizzano l’informazione per raccontarne solo l’essenziale… ”(parte liberamente tradotta dal testo originale).

Uno yoga quotidiano

Interpellato su un possibile bilancio il giornalista dice che non ha un obiettivo preciso tranne quello di portare a termine la durata del progetto di dieci anni fino alla fine. Tuttavia riferisce che il piacere è ogni giorno crescente al punto di divenire il proprio yoga quotidiano, una pausa di meditazione edificante della propria giornata. Conclude quindi dicendo: ” …La Divina Commedia è uno dei più bei poemi mai scritti ed il mio desiderio è di condividere con i mezzi attuali, la sua bellezza e la sua forza. E questo fino all’ultimo verso del Paradiso, ”L’amor che muove il sole e l’altre stelle”, l’amour qui meut le soleil et les autres étoiles…”

N.B.
Le citazioni dell’articolo sono liberamente tradotte dal testo in francese.

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Equazione di un amore

Simona Sparaco, scrittrice e sceneggiatrice, è nata a Roma.

Dopo aver preso una laurea inglese in Scienze della Comunicazione, spinta dalla passione per la letteratura, è tornata in Italia e si è iscritta alla facoltà di Lettere, indirizzo Spettacolo. Ha poi frequentato diversi corsi di scrittura creativa, tra cui il master della scuola Holden di Torino.

Nel 2008 ha pubblicato il romanzo Lovebook e, nel 2010, Bastardi senza amore, tradotto anche in lingua inglese. Nel 2013 è uscito per Giunti Nessuno sa di noi, un istantaneo bestseller del passaparola, ristampato in 21 edizioni, vincitore del Premio Roma e finalista al Premio Strega.

Nel 2014 è uscito, sempre per Giunti, Se chiudo gli occhi (Premio Selezione Bancarella, Premio Salerno Libro d’Europa e Premio Tropea). Equazione di un amoreè il suo ultimo romanzo.

Il romanzo…

“In fisica quantistica, se due particelle interagiscono tra loro per un certo periodo di tempo e poi vengono separate, non possono più essere descritte come due entità distinte, perché tutto quello che accade a una
continua a influenzare il destino dell’altra. Anche ad anni luce di distanza.”

Un  libro dal finale per niente scontato o banale, forse il più interessante di questa autrice.

Ulteriori informazioni e acquisto del libro

 

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Luigi Malerba: Historietter & Historietter i lommeformat, Forlaget Arvids

Consigliato da Johannes Thomsen

Luigi Malerba: Historietter & Historietter i lommeformat, Forlaget Arvids
AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

L´arcobaleno

Impariamo l´italiano cantando insieme: L´arcobaleno

L’arcobaleno è una canzone cantata da Adriano Celentano, scritta per la parte letteraria da Mogol su musica di Gianni Bella, inclusa nell’album Io non so parlar d’amore, pubblicato nel 1999. 

Adriano Celentano nasce a Milano al numero 14 della mitica “via Gluck” il 6 gennaio 1938, da genitori pugliesi trasferitisi al nord per lavoro; a Milano Adriano trascorre l’infanzia e l’adolescenza; lasciata la scuola svolge diversi lavori, l’ultimo e il più amato è quello di orologiaio.

Debutta al Teatro Smeraldo e prosegue una carriera che lo vede partecipe piú volte al Festival di Sanremo.

Nel 1960 Celentano compare in un’importante sequenza della “Dolce Vita” di Federico Fellini, il quale lo vuole a tutti i costi dopo averlo visto esibirsi dal vivo mentre cantava “Reddy Teddy”. Nello stesso anno recita anche in “Urlatori alla sbarra”, “Dai, Johnny dai!” e “Sanremo la grande sfida”.

L’anno seguente Adriano parte per il servizio militare, ma riesce ugualmente a partecipare al suo primo Festival di Sanremo con “Ventiquattromila baci”, in coppia con Little Tony.

Nel 1961 fonda il “Clan Celentano”, il primo esperimento di un artista italiano che sceglie di autoprodursi, oltre che produrre giovani cantanti e musicisti. Il Clan è un caso raro di utopia realizzata: il fondatore immagina un luogo in cui un gruppo di amici “lavora giocando e gioca lavorando”. Il Clan diventa subito una realtà discografica e di “costume” e sceglie di restare indipendente tra gli indipendenti. E’ l’unica etichetta discografica con 36 anni alle spalle ad essere rimasta totalmente italiana. E’ una scelta originalissima, il cui modello va ricercato nel Clan Sinatra, a cui nessun cantante italiano prima di Adriano aveva osato pensare e grazie al quale spiana la strada ad altri (basti pensare alla “Numero Uno” di Mogol-Battisti o alla “PDU” di Mina). Il Clan negli anni lancerà molti cantanti ed autori di successo.

122989_1<br /> SIRIO_Mondadori<br /> 114<br /> 151<br /> 254<br /> 1138<br /> 1507<br /> RGB<br /> Riproduzioni<br /> COPERTINE Tv Sorrisi e canzoni 1972<br /> Servizi AME_2003_11818<br /> Diritti Mondadori

In coppia con Claudia Mori incide “La coppia più bella del mondo”, scritta con un grande autore, Paolo Conte, il quale in seguito dirà che ogni volta che compone pensa alla voce di Adriano, “la più bella in Europa”. Nel 1970 vince il Festival di Sanremo insieme a Claudia Mori cantando “Chi non lavora non fa l’amore”, brano ironicamente ispirato all’autunno caldo. C’è chi interpreta la canzone come un inno contro gli scioperi.

Nel 1972 esce “Prisencolinensinanciusol”, vero e proprio primo rap mondiale: gli americani scopriranno questo genere di linguaggio musicale soltanto dieci anni dopo. Ancora una volta Adriano si dimostra un precursore.

Protagonista di vari film, tra i quali “Yuppi Du”, da lui scritto, diretto, prodotto e interpretato.

Il suo album “Svalutation”, è un ironico commento alla crisi economica che colpisce l’Italia e l’intero occidente. Un vero successo di pubblico e critica è il lavoro del 1998 “Mina & Celentano” in cui due delle voci più apprezzate della musica italiana duettano nello spazio di 10 canzoni. Le copie vendute superano il milione.

Solo un anno più tardi esce il disco “Io non so parlar d’amore” che raggiunge la cifra record di oltre 2.000.000 di copie vendute e la presenza tra i primi cinque posti della classifica italiana per circa 40 settimane. Alla creazione dell’album partecipano Mogol e Gianni Bella.

Celenatno realizza per RaiUno un programma dal titolo “Francamente me ne infischio”, in cui accosta alla musica, che scatena polemiche per la durezza di alcune immagini trasmesse (guerra, povertà, morte sono i duri temi affrontati). Il programma, condotto insieme a Francesca Neri, vince la prestigiosa Rosa d’oro al Festival internazionale della tv di Montreaux.

Nel 2000 esce “Esco di rado e parlo ancora meno”. La coppia compositiva Mogol-Gianni Bella, accompagnata dalle chitarre di Michael Thompson e dagli arrangiamenti di Fio Zanotti, ha ancora una volta indovinato la formula per una nuova pozione magica.
*
Ancora molto attivo sia sul piano musicale che televisivo Adriano Celentano, irriverente, ironico, sarcastico a volte non si smentisce mai e dice sempre quello che pensa.


Si ritiene che il brano sia dedicato al grande cantautore Lucio Battisti, amico sia di Celentano sia di Mogol, scomparso prematuramente il 9 settembre; invero, sebbene Mogol non l’abbia apertamente ammesso, il testo della canzone appare riferirsi apertamente, fin dall’inizio (“Io son partito poi così d’improvviso che non ho avuto il tempo di salutare”) a una persona scomparsa prematuramente. 


Il brano, struggente e malinconico, contribuì grandemente al successo dell’LP di Adriano Celentano “Io non so parlar d’amore”, che vendette oltre un milione di copie. 
 

 

 
TESTO
 
Io son partito poi così d’improvviso
che non ho avuto il tempo di salutare
l’istante breve ma ancora più breve
se c’è una luce che trafigge il tuo cuore
L’arcobaleno è il mio messaggio d’amore

può darsi un giorno ti riesca a toccare
con i colori si può cancellare
il più avvilente e desolante squallore

Son diventato sai tramonto di sera
e parlo come le foglie d’aprile
e vivrò dentro ad ogni voce sincera
e con gli uccelli vivo il canto sottile
e il mio discorso più bello e più denso
esprime con il silenzio il suo senso

Io quante cose non avevo capito
che sono chiare come stelle cadenti
e devo dirti che è un piacere infinito
portare queste mie valigie pesanti

Mi manchi tanto amico caro davvero
e tante cose son rimaste da dire
ascolta sempre e solo musica vera
e cerca sempre se puoi di capire

Son diventato sai tramonto di sera
e parlo come le foglie d’aprile
e vivrò dentro ad ogni voce sincera
e con gli uccelli vivo il canto sottile
e il mio discorso più bello e più denso
esprime con il silenzio il suo senso

Mi manchi tanto amico caro davvero
e tante cose son rimaste da dire
ascolta sempre e solo musica vera
e cerca sempre se puoi di capire
ascolta sempre e solo musica vera
e cerca sempre se puoi di capire 

* (biografia liberamente ispirata a biografieonline.it)

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Quando la musica fa male

Oggi vi raccontiamo una storia…

Questa é una storia nella quale la musica é stata protagonista ed ha segnato il destino di tre cantautori che ancora oggi restano indimenticabili nella storia della musica italiana.

Entrambi questi cantanti hanno avuto un destino analogo, un destino strettamente legato a pettegolezzi e maldicenze strettamente connessi a loro volta a superstizione e ignoranza.

Entrambi indicati come depressi, negativi al punto da “portare sfortuna”.

E´il caso di Luigi Tenco, Mia Martini e Marco Masini.

Tre momenti storici diversi, tre generazioni diverse, le stesse accuse…

Luigi Tenco e Mia Martini hanno entrambi perso la vita a seguito di un suicidio, forse a causa della depressione, forse a causa del vortice negativo nel quale sono stati scaraventati. Fatto sta che ancora oggi sia intorno alla figura di Luigi Tenco che a quella di Mia Martini aleggia un alone di mistero.

 E Marco Masini?

Marco Masini ha vissuto la sua carriera musicale con immensa tristezza, proprio a causa delle accuse che sono state mosse nei suoi confronti. A seguito del suicidio di una sua fan (evidentemente non connesso al fatto di essere una sua fan) fu accusato di indurre gli adolescenti al suicidio. Cosi si ritiró dalle scene.
In questo video ascoltiamo Mia Martini che difende Marco Masini e  che denigra questo modo vile di fare concorrenza ai cantanti o ai personaggi famosi… perché di questo si tratta!

Certamente Marco Masini non ha scritto canzoni allegre.. per caritá! Ma ce ne sono di molto belle, vere e proprie poesie sia per il testo che per la musica… basti pensare a “Dal buio”. Un brano dedicato ad un uomo non vedente che si emoziona sfiorando per un istante il mondo di una ragazza che lo aiuta ad attraversare la strada. Un tripudio di pensieri positivi, romantici e intimi che tutto provoca tranne che la depressione..

Testo Dal Buio

Il cieco fermo sul bordo del marciapiede
aspetta che qualcuno se ne accorga
rallenti la sua fretta.
E intanto resta immobile lo sguardo spento
e fisso come se fosse in bilico

 

 

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

“La notte” – Arisa

Impariamo l’italiano cantando. Il brano che vi proponiamo oggi è: “La notte” – un brano della cantante e interprete italiana Arisa. Nata a Genova la sua passione per il canto è emersa fin dalla giovane età. Vincitrisce del festival di Sanremo nelle nuove proposte, restano nella memoria le canzoni “sincerità” e “malamoreno” grazie anche e […]

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Festa di Halloween in Italia

La festa di Halloween non é certamente una festa tipica italiana. Tuttavia da molti anni ormai anche i bimbi italiani vanno in giro per le case a pronunciare la fatidica domanda: “Dolcetto o scherzetto?”(trick-or-treat), ricevendo dolciumi e prelibatezze da familiari ed amici.

La notte stregata però non rappresenta motivo di svago e divertimento solo per i bambini ma anche (e forse soprattutto) degli adulti, per i quali i locali notturni e le discoteche organizzano ogni anno feste a tema, rievocando le atmosfere tipiche della notte delle streghe. `Halloween diventa così un secondo carnevale.
La pratica di indossare costumi la notte di Halloween deriverebbe dalla credenza che, nella notte del 31 ottobre, molti esseri sovranaturali e le anime dei morti abbiano la capacità di girovagare per la Terra tra i viventi.

Negli Stati Uniti d’America tale pratica è documentata per la prima volta nel 1911, quando un giornale di Kingston (Ontario) pubblicò un articolo nel quale si parlava di alcuni bambini che avevano passeggiato travestiti per le vie della città. Tuttavia, nei primi anni del novecento, la pratica di travestirsi era presso che nulla tra gli adulti. I vestiti di questo periodo erano sempre realizzati in ambito casalingo, ed il trucco era in stile gotico.
Una volta diffusasi tra gli adulti, la pratica del travestimento di Halloween è a volte stata utilizzata come una “scusa” per indossare abiti succinti e sexy, che mostrano parti del corpo quotidianamente non accettate dal pensiero comune. ´ – ci informa Wikipedia

La zucca di Halloween, che nei paesi anglofoni viene chiamata col nome di “Jack-o’-lantern”, è uno degli oggetti e simboli principe della festività del 31 ottobre. Si tratta di una zucca scavata a mano, sulla cui superficie vengono intagliati i tratti di un volto, solitamente malefico e dal ghigno beffardo. Al suo interno, una volta svuotata della polpa e dei semi, viene riposta nella zucca una candela che, accesa, consente di vedere i tratti intagliati anche in pieno buio. In Italia la zucca per lo piú viene cucinata, anche se non mancano gli intagliatori occasionali. Ma certamente le decorazioni sono scarne rispetto agli altri Paesi dove Halloween viene sentito maggiormente come ricorrenza da festeggiare.

Anche la cultura culinaria ha mutuato alcune ricette direttamente dalle tradizioni agricole delle popolazioni celtiche: molti i piatti a base di zucca, alimento che in autunno è molto diffuso.
Risotti alla zucca, antipasti e torte salate, paté di zucca, pane alla zucca, sfogliate e tortini, sono solo alcune delle ricette più prelibate di queste tradizioni culinarie.

Da non dimenticare i dolci, che sono le vere prelibatezze della festa di Halloween: merende a base di marmellate di zucca, crostate e torte della tradizione, che non mancano nelle tavole imbandite in occasione dei festeggiamenti.

In realtá la vera festivitá italiana é la FESTA DI OGNISSANTI

La festa di tutti i Santi il 1° novembre si diffuse nell’Europa latina nei secoli VIII-IX. Poi si iniziò a celebrarla anche a Roma, fin dal secolo IX. Un’unica festa per tutti i Santi, ossia per la Chiesa gloriosa, intimamente unita alla Chiesa ancora pellegrinante e sofferente sulla terra.

Quella di Ognissanti è una festa di speranza: “l’assemblea festosa dei nostri fratelli” rappresenta la parte eletta e sicuramente riuscita del popolo di Dio; ci richiama al nostro fine e alla nostra vocazione vera: la santità, cui tutti siamo chiamati non attraverso opere straordinarie, ma con il compimento fedele della grazia del battesimo.

Attualmente il giorno della festa di Ognissanti, è tradizione ricorrente far visita ai propri defunti, portando loro un fiore, tradizionalmente un crisantemo, a volte girando più cimiteri o camposanti, e l’occasione per tirare a lucido le tombe ed i loculi dei propri morti, o per dire una preghiera di fronte alle bare dei propri cari.

Tradizionalmente l’orario dei cimiteri per la festa di tutti i Santi è molto amplio con aperture straordinarie in modo da consentire a tutti di fare una visita o portare un fiore ai propri cari, recitando un rosario o una preghiera nelle cappelle dei cimiteri o in chiesa o parrocchia.

Ma il ponte dei morti, è divenuta ormai anche una festa pagana, inizia già la notte del 31 ottobre (notte di halloween) con feste nei locali e nelle discoteche, con migliaia di ragazzi che approfittando della chiusura delle scuole, fanno l’alba partecipando alle manifestazioni della notte delle streghe.

Ma il primo novembre è anche un occasione di festa in cui molti paesi e località organizzano feste, sagre, degustazioni, fiere, mostre e concerti per trascorrere in allegria qualche giorno di festa.

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Culture & Creativity

Lo scorso 22 settembre si è svolto presso la sede dell’Istituto Italiano di Cultura a Copenhagen l’evento dal
titolo “Culture & Creativity as Key to Development, Danish and Italian applications: practical proposals in pursuit of best practices and excellence. CSR and cultural integration as key to innovation and value: Ideas that change the world”, organizzato dalla Società Dante Alighieri di Copenhagen in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura, la Fondazione Internazionale Verso l’Etica – FIVE Onlus, ed HF Convention.
L’evento è stato fortemente voluto dalla Dante Alighieri che molto si è spesa sul territorio per la promozione della cultura italiana – dalla visione negli affari, alla lingua, alla cucina – allo scopo di rispondere alle recenti indicazioni della strategia del Sistema Italia per la corretta divulgazione degli elementi distintivi che caratterizzano la cultura italiana, e dunque portare l’italianità nel mondo
“La diffusione della cultura Italiana non passa solo attraverso la conoscenza della lingua ma anche nel tramite della consapevolezza di ciò che vuol dire essere italiano, che significa anche intuizione, genio e creatività. Raccogliendo i recenti input del Presidente della Dante Alighieri per una rivitalizzazione dei comitati nel perseguimento della mission, il comitato di Copenhagen ha proposto delle nuove iniziative per favorire una sempre migliore integrazione e valorizzazione della cultura italiana in Danimarca”, ha detto Pinuccia Panzeri, Presidente dell’Associazione Dante Alighieri a Copenaghen.
L’iniziativa, realizzata su proposta di Oriana Perrone, esperta economica del Ministero Italiano dello Sviluppo Economico, docente di Global Business Strategies e Corporate Social Responibility, associata della Società Dante Alighieri di Copenhagen, rappresenta un primo tavolo di confronto con imprese danesi e italiane, istituzioni e società civile, sul tema del come implementare modelli e processi per l’integrazione dell’etica nelle organizzazioni, dalla formazione ai progetti multi-stakeholders, per la generazione di una società etica e responsabile, dall’individuo all’organizzazione.
“La creazione di valore è un tema molto attuale e sul quale sia le organizzazioni italiane che danesi possono tranquillamente rappresentare esempi di eccellenza. Il legame tra una visione volta al sentito etico, propria di queste culture, e la necessità di avere modelli innovativi educativi, sociali, economici, e di impresa, per la generazione di benessere ed equità nella società attuale, è un fattore critico di successo per l’attuazione di iniziative di crescita economica e sociale. Identificarne gli elementi caratterizzanti, ed agevolarne la divulgazione, è importante per generare conoscenza e favorire la replicabilità delle best practices da parte di tutti ”, ha detto Oriana Perrone che è intervenuta in qualità di moderatrice dell’evento.
Le imprese presenti hanno raccontato gli aspetti più interessanti del core business legati a sistemi di
sostenibilità sociale ed ambientale, da Bio Pic a Ecco, condividendo criticità e valore aggiunto di chi sceglie
di operare responsabilmente sui mercati.
Mentre, la Copenaghen Business School ha sottolineato l’importanza di dialogare su questi temi, sia per la
società che per le imprese, ed ha sottolineato come la cultura determina la visione e dunque condiziona la
strategia e la gestione anche sotto il profilo etico dell’agire delle imprese.
Dall’altro lato, Five Onlus ha presentato un modello innovativo per la formazione all’etica, nell’individuo, cosi come nelle organizzazioni, come strumento per la gestione della complessità in uno scenario in cambiamento.
In particolare, Guy Michel Franca, ideatore del metodo e fondatore di Five, ha spiegato gli elementi
sostanziali della nuova metodologia.
Questo incontro è in linea con le recenti strategie del Sistema Italia per favorire la diffusione della Cultura
Italiana in tutte le sue forme, nei paesi esteri e per l’integrazione tra culture, oltre che l’apertura ai mercati
esteri delle imprese italiane.

L’iniziativa ha visto come la partecipazione e il contributo, tra gli altri, della Camera di Commercio Italo-
Danese che ha dato il patrocinio all’evento, di From Italy With Love, che ha realizzato un lunch
completamente sostenibile, dei media partner AIESEC e Ikos.

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

Leggi e Gusta

Sei appassionato della lingua italiana? Non hai ancora scelto il prossimo libro da leggere?

Ti aspettiamo all’evento Leggi e Gusta!

 

L’evento è aperto a tutti coloro che amano leggere libri in italiano o vorrebbero cominciare a coltivare questa passione!

L’ingresso è gratuito.

I partecipanti potranno condividere opinioni ed emozioni su libri già letti e scambiarli con nuovi libri. Inoltre saranno disponibili libri in Italiano da poter prendere gratuitamente.

Sarà accolto con entusiasmo chiunque vorrà leggere un passo di un libro che ha trovato particolarmente significativo ed avvincente.

Per tutti i soci Dante e’ inoltre previsto un menù promozionale con pizza e bibita al costo di sole 150 Kr.

È gradita conferma di adesione all’indirizzo email: dantegiovani@dante-alighieri-cph.dk

 

All’evento parteciperanno:

– Il gruppo musicale VOLTA LA CARTA

con cover di cantautori italiani

– Il poeta-scrittore Pablo Paolo Peretti

che presenterà le sue opere più importanti e ci racconterà dei suoi progetti futuri.

Simonetta Battista

che presenterà i libri di Alessandro Raffaelli “Versilia nascosta” e Tesori nascosti”, per chi vuole avventurarsi in un viaggio attraverso i tesori artistici, culturali e naturalistici della Versilia e di alcune località italiane lontane dai consueti itinerari turistici

L’evento è organizzato dalla sezione Giovani della Società Dante Alighieri di Copenaghen in collaborazione con Olimpia Grussu del Ristorante Pizzeria Trattoria “La Vecchia Signora”.

EVENTO FACEBOOK

AvatarDiDante Alighieri Copenaghen

“Leggi e Gusta” – a settembre (Copenaghen centro)

In occasione del prossimo evento “Leggi e Gusta”, organizzato dalla Sezione Giovani della Società Dante Alighieri di Copenaghen, che si terrà agli inizi di settembre stiamo raccogliendo libri e giochi da tavola in lingua italiana di ogni genere. Chiunque volesse partecipare alla raccolta può inviare una mail a dantealighierigiovani@gmail.com  per stabilire la consegna o il ritiro.

Tutti i partecipanti alla raccolta libri riceveranno un gradito omaggio durante l’evento.

E’ possibile (su richiesta) mettere in vendita i libri, ma occorre specificarlo in anticipo.

 

Referente: Emilia Ciarcia